Le lettere anonime restano illecite anche quando sono elettroniche.

Autore: 
Eugenio Cipolla

Con un parere del 29 maggio 2003, diffuso con comunicato stampa del 3 settembre 2003, il Garante, richiamando la Legge 675/96, ha affermato l'illeceità delle e-mail anonime inviate a scopi promozionali, il così detto spamming.

Il fatto che le e-mail in questione vengano inviate senza che il destinatario abbia manifestato, in precedenza il proprio consenso, secondo quanto previsto nel provvedimento, comporta la violazione della Legge 675/96.

L'articolo analizza il contenuto del parere del Garante, alla luce della disciplina vigente.

(In "Diritto e Giustizia", 17 gennaio 2004, n.2).

Leggi l'articolo